Liste. Un nuovo mattino.

alba

Come avete visto, le liste vi aiutano a mantenere le promesse e ci rivelano qualcosa in più sulle nostre stesse credenze e preferenze.

Un nuovo approccio con la Dea Lista, potrebbe illuminare le nostre scelte: l’idea è di categorizzare le liste in modo diverso.

Nella lista “Una volta al giorno”, troveranno posto non solo gli alimenti, ma anche i momenti piacevoli, le occasioni di movimento, le soddisfazioni, le pre-visioni ecc.

Ne parliamo con Marena, esaminando la sua lista speciale quotidiana: “giorni feriali”.

Marena è una che si sveglia all’alba e corre per tutto il giorno fra un’incombenza e l’altra, finché alla sera si rilassa e si prende le sue ricompense a tavola.  Ha già provato a dimagrire diverse volte e ha sempre ripreso i chili persi. A volte i suoi successi li ha avuti: è riuscita a perdere ben 10 chili lo scorso anno e ne ha ripresi solo un paio a natale.

Oggi inizia nuovamente, col progetto di perderne altri 10, nonostante si senta “stanca di essere a dieta”, per questo ha voglia di provare qualcosa di nuovo, sfruttando la potenza delle liste, creandone una davvero particolare. Vediamola.

Una volta al giorno.

  1. di prima mattina, un caffè, un bacio ai miei affetti e un grande sorriso;
  2. mentre preparo la colazione per tutti, respiro profondamente, con le finestre aperte, per attivare il metabolismo;
  3. Assumo carboidrati integrali, una fetta di pane tostata con prosciutto crudo o ricotta o dei cereali nello yogurt bianco + 1 frutto; mi aiuto con qualche integratore di minerali e vitamine.
  4. preparazione del pranzo al sacco per l’ufficio, compresi gli spuntini, e sempre con l’insalata per iniziare il pranzo, secondo piano alimentare già rodato.
  5. in bagno, mentre mi lavo, faccio gli esercizi per il seno: mani giunte, all’altezza delle spalle, le spingo una contro l’altra ritmicamente, contraendo il seno, per 100 volte;
  6. scale a piedi a scendere e salire!
  7. in ufficio colgo ogni occasione per alzarmi dalla sedia andando a parlare coi colleghi, invece di sentirli per telefono;
  8. pranzo sempre in compagnia chiacchierando, così rallento e mi sento più sazia;
  9. faccio la spesa a stomaco pieno, seguendo la lista, così da non cadere in tentazione;
  10. appena finito di cenare, vado a lavarmi i denti, poi sparecchio e faccio spazio ai miei hobby, che mi rilassano più degli stravizi.
  11. prima di addormentarmi chiudo gli occhi, mi rilasso e, anche solo per 5 minuti,  per rafforzare la mia voglia di cambiamento, mi rivolgo alla Dea Previsione, scendo nelle Grotte Marantee e provo a immaginarmi alla fine del mio percorso, più snella, più libera e piena di soddisfazioni.

Marena ha fatto un ottimo lavoro. La quasi totale assenza di cibi nella sua lista, dimostra come si possa ridimensionare il problema, pensandoci sempre meno, diminuendo così persino lo spazio mentale riservato all’alimentazione, in favore di abitudini più utili e appaganti come l’esercizio fisico, gli hobby e le passioni.

Nel punto 11, poi, troviamo un esercizio mentale, del quale torneremo presto a parlare, perché può davvero fare la differenza.

La lista delle liste

Alla Dea Lista bisognerebbe fare un monumento… Vabbè, forse è troppo. Dedichiatele però almeno un quaderno. Sceglietelo rigido, robusto, piccolo abbastanza da portare sempre con se, magari con la penna integrata, pronta per mettere in lista anche l’ultimo pensiero.

Dicevamo tempo fa che per cominciare a ragionare sulla nostra situazione, avremmo dovuto fare delle liste così:

Lista n. 1: i desideri che alimentano la mia voglia di tornare in forma.
Lista n. 2: i traguardi che costelleranno la mia lunga gara.
Lista n. 3: i premi che mi spettano per ogni traguardo.
Lista n. 4: le abitudini che voglio lasciare.
Lista n. 5: i nuovi comportamenti che voglio abbracciare.

E inoltre abbiamo fatto liste anche così:

A. 10 cibi pericolosi per la linea che però ci fanno impazzire.
B. 10 cibi nostalgici, dalla cucina di nonna.
C. 10 cibi che usiamo per calmarci i nervi.
D. 10 cibi light che invece ci piacciono molto.
E. 10 cibi veramente sani.
F. 10 dessert che potrebbero non essere così ingrassanti.
G. 10 contorni decisamente interessanti.
H. 10 secondi piatti appetitosi, ma leggeri.
I. 10 spuntini rompifame innoqui.
L. 10 colazioni sane e gustose.

Se poi ce ne vengono in mente solo 5 o 6 va bene lo stesso.

La saggezza della Dea Lista entrerà in voi per guidarvi verso la scelta più giusta per arrivare alla meta.

Perché non fate tutto al contrario?

Tante volte avete iniziato una dieta, seguendo il programma alimentare proposto. L’avete fatto pensando che sarebbe stato per un periodo limitato nel tempo,  che avrebbe dato un qualche risultato e che poi avreste potuto tornare alla vostra vita.

E invece avete perso solo il tempo… per dimagrire e poi tornare come prima.

Ormai due o tre cose sull’alimentazione le sapete. Conoscete l’effetto di certi cibi sul vostro girovita: quelli che lo allargano e quelli che lo stringono. Possibile che vi sentite liberi solo se preferite i primi?

Vediamo se è vero.

Torniamo a chiedere l’aiuto della dea Lista. Facciamo qualche elenco.

A. 10 cibi pericolosi per la linea che però ci fanno impazzire.

B. 10 cibi nostalgici, dalla cucina di nonna.

C. 10 cibi che usiamo per calmarci i nervi.

D. 10 cibi light che invece ci piacciono molto.

E. 10 cibi veramente sani.

F. 10 dessert che potrebbero non essere così ingrassanti.

G. 10 contorni decisamente interessanti.

H. 10 secondi piatti appetitosi, ma leggeri.

I. 10 spuntini rompifame innoqui

L. 10 colazioni sane e gustose.

Lo sforzo mentale per riempire queste 10 liste sarà ripagato. Una volta finto il compito, infatti, avrete scoperto qualcosa in più sui vostri gusti: alternative interessanti, sapori antichi di cui vi eravate dimenticati, piatti leggeri senza essere insapori ecc.

E ora viene il bello. Costruirete il vostro regime dietetico, mescolando i cibi dei diversi elenchi. Ovviamente in quantità minima i cibi degli elenchi A B e C, senza sensi di colpa con le liste E F H e L, a volontà con gli altri. Ottenendo comunque un’alimentazione varia, gustosa, leggera e, soprattutto su misura per voi.

Qualche esempio?

Lorena ha scelto, fra i cibi light della lista D: fragole, ananas, pera con cubetti di caciottina, yogurt bianco aromatizzato al caffè, risotto integrale con seppie, peperoni arrostiti, petto di pollo al curry, vellutata di zucca e cipolla, orata al forno con scaglie di mandorle, spiedino di salmone fresco e zucchine, melanzane grigliate all’aceto, involtini di bresaola e stracchino…

Franco, nella lista L ha messo, per colazione: pane integrale tostato con marmellata di arance fatta in casa con poco zucchero o fruttosio; uovo alla cocque e crackers integrali; frappè di latte scremato con fragole e ghiaccio; yogurt greco con frutta e fiocchi d’avena…

La giornata tipo di Lorenza è: Spremuta di pompelmo, panino integrale tostato con ricotta vaccina e caffè americano per colazione; una pera come spuntino, con un cubetto di parmigiano; a pranzo insalatona mista con scarola, carote, rucola e finocchi, più straccetti di manzo scottati, olio E.V.O. a crudo, poco sale e spezie con un pacchetto di crackrs integrali e senza sale; the verde con una tartina alle olive nel pomeriggio; zuppa di cavolo nero per cena, seguita da cosciotto di pollo senza pelle al rosmarino e insalata.
Sono i suoi gusti, le sue scelte, i suoi piaceri quotidiani.

E le vostre liste?

Tra il dire e il fare, c’è da remare.

barca

Sapete quasi tutto ormai, su quel che dovreste fare per il vostro benessere, ma non vi riesce di iniziare a farlo.

Perché fra il dire e il fare non c’è quel bellissimo, azzurro, fresco e spumeggiante mare, c’è invece da remare, quindi da faticare.

E a chi piace la fatica? O meglio: come si fa a farsi piacere la fatica?

Quale, fra gli Dei della Dieta, potrebbe darci un suggerimento?

Il Dio Desiderio e il Dio Premio, sicuramente aiutano. Il primo accende il desiderio del successo e il secondo offre una ricompensa, il Dio Esercizio aiuta ad accelerare il processo, che poi aiuta a portare a casa la mèta. E un grosso lavoro, vediamo le fasi.

Qual è il vostro desiderio? Lo fate per la salute? Acqua… Per la forma fisica? Fuochino… Per sentirvi più belli e desiderati? Focherello. Per riuscire finalmente ad essere uguali a quelli che vorreste essere? FUOCO!

Allora cominciate ad alimentare il vostro desiderio. La Dea Lista ci suggerisce di scrivere 10 desideri, correlati al dimagrimento, ma devono essere 10 desideri brucianti. Vediamone alcuni.

Lea vuole dimagrire perché vuole finalmente trovare la sua taglia, anche in quei negozi dove sopra la 46 non esiste nulla. Renata vuole dimostrare a sua sorella che dimagrendo potrebbe tornare a essere più bella di lei, come 20 anni fa. Roberto è stanco di sudare troppo, perciò vuole perdere peso prima che arrivi il clima torrido. Serena vuole mettersi lo smalto sulle unghie dei piedi, senza dover trattenere il fiato per arrivarci. Giuliano vuole mettere su più massa magra che può, perché sa che così potrà bruciare calorie anche da fermo, potendosi quindi permettere qualche strappo alla regola. Carolina ha chiuso un capitolo della sua vita e cerca un nuovo amore, però non si sente abbastanza sexy, da buttarsi in pista. Remo è giovanissimo e ha paura di non piacere alle ragazze, finché non sarà normopeso. Moreno è stanco di sentirsi troppo pesante, e di avere sempre mal di piedi e a tutte le ossa. Katia vuole rientrare nel suo guardaroba dell’anno scorso. Giuseppe vuole sentirsi finalmente un figo. Ornella vuole essere messa in prima fila dalla sua insegnante, al prossimo saggio di danza.

Allora procuratevi un quadernino, reale o virtuale (potreste prendere in considerazione l’idea di crearvi un blog in rete), dedicatelo alla Dea Lista, e inaugurate l’era delle liste.

Lista n. 1: i desideri che alimentano la mia voglia di tornare in forma.

Lista n. 2: i traguardi che costelleranno la mia lunga gara.

Lista n. 3: i premi che mi spettano per ogni traguardo.

Lista n. 4: le abitudini che voglio lasciare.

Lista n. 5: i nuovi comportamenti che voglio abbracciare.

E quanto altro vi passa per la mente…