Chi, col cuore e col sangue, medita sogni impossibili: vince.

La frase è una sentenza tratta dal millenario libro de I Ching, ma si adatta benissimo a Garibaldi, l’eroe dei due mondi.
Se non avesse ritenuto possibile ciò che sembrava impossibile, non si sarebbe mai sentito parlare di lui, mentre oggi non c’è città che non gli dedichi una piazza o una via.

Tutti possono diventare il proprio eroe o la propria eroina, qualsiasi sia la lotta da affrontare. I Garibaldini convinti, meditando l’impossibile, possono arrivare a vincere le proprie battaglie, compresa quella contro il peso in eccesso.

Ripensando all’eroe dei due mondi, non si può dire che mancasse di motivazione. E la motivazione infatti è la leva più forte che porta al raggiungimento dei propri obiettivi.

Il nostro campione fra gli dei è il Dio Desiderio.
Tutti quelli che seguono gli Dei della Dieta hanno come obiettivo la perdita di peso, ma desiderano solo quello? Io non credo. Per esempio io non vedo l’ora di comprare una nuova fotocamera digitale, che la piccolina che ho ora mi va un po’ stretta. Voi cosa desiderate?
Nulla di alimentare, mi raccomando, ma… una bella borsa?
Un viaggio, un divano nuovo, un corso di ceramica o di inglese?
Allora quanto è forte questo desiderio?
Quanta voglia ho di comprarmi una bella reflex? Quanto la sogno?
Perciò ho deciso. Ci abbino l’obiettivo della perdita di peso.
Con fede mi rivolgo al Dio Desiderio ed esprimo questo pensiero, magari a voce alta:
“Se riesco a dimagrire 5 chili, mi regalo la nuova reflex” Anzi: rilancio! Ad ogni chilo perso mi regalo un accessorio, un profumo, un capo d’abbigliamento, uno sfizio qualsiasi…

La molla del desiderio produrrà i suoi effetti!

E di seguito potrete invocare anche il Dio Premio, che è uno specialista delle ricompense e un grande motivatore.

Per rendere frizzante l’impresa, per esempio, il Dio Premio può ispirare un rilancio.

Tipo:
– perdere il primo chilo in meno di una settimana = concedersi una visita guidata in un museo o uno spettacolo in teatro nel prossimo week end;
– perdere 2 chili in due settimane = un capo di abbigliamento nuovo nuovo, oppure un corso per imparare il tango o qualsiasi altro ballo…
– perdere 5 chili in due mesi = premio più importante.

Insomma si tratta di assaporare i piaceri della vita, senza farli passare per lo stomaco. Pian piano il piacere della tavola sarà sostituito da piaceri diversi, tutti da sperimentare.